Tag

, , , , , , , , , ,

Kris, Wolf, Rauke e Tamara.
Questi sono i nostri personaggi principali. Letti i nomi?
Bene, scordateveli.
Non vi serviranno più.
Se inizierete a leggere “Sorry” nel libro ci sarete voi.
Sarete a Berlino. Sarete giovani, ma di quell’età dove bisognerebbe oramai avere le idee chiare ed aver gettato le basi per il vostro futuro; quell’età dove oggi, purtroppo, ci si ritrova sempre più spesso a bambanare in giro senza sapere bene come e perché.copertinasorry
E’ quel momento dove le più grandi sconfitte si vivono lentamente, a puntate, nel semplice lasciare che i giorni si accumulino ai giorni.
E’ quel momento dove possono vincersi le più grandi sfide, tirando fuori il coraggio. Semplicemente perché non si ha più niente da perdere.
Ci siamo passati tutti? Probabilmente, e chi non lo ha fatto ci si ritroverà ugualmente, trascinato da una delle personalità che si incrociano nel racconto.
Verrete sballottati in un intrigo di vicende che avrebbe quasi del sensuale, se non arrivasse ad essere morboso. Vivrete delle esperienze dove sarete costretti a rivedere continuamente i vostri confini di bene e male, di giusto o sbagliato. Vi troverete a chiedervi: “Io cosa avrei fatto al posto loro?” Anzi, non al posto loro, ma con loro.
Perché questo libro vi prenderà e vi porterà con se fino all’ultima pagina.
Sarete con loro quando apriranno la loro agenzia; un’agenzia che chiede scusa a nome degli altri. Porterete insieme le scuse dei vostri committenti, persone che non sanno più comunicare che gli dispiace o che sono troppo in alto per permettersi di abbassarsi a tanto.
E’ volgare, è insulso, è egoistico, è alienante. In un mondo dove si può ottenere praticamente qualsiasi cosa pagando, in parole povere, è un affare grandioso!
Le richieste non vi mancheranno e potrete addirittura scegliervi i clienti.
Finché un particolare cliente non sceglierà voi. Sarà un contratto che non potrete rifiutare. Un contratto siglato dalla paura e dal ricatto.
A questo punto varie strade si incroceranno e si apriranno tra i rami fitti della vostra incredulità sentieri che non avevate notato prima e che spesso sarete costretti a percorrere da soli. Ed in fretta. Perché dietro di voi sentite dei passi…
Zoran Drvenkar ci trasporta ai limiti delle nostre convinzioni morali, ci annega nei nostri preconcetti, in una storia dove anche i cattivi hanno una loro storia.
Ci affascina con il suo stile fluido, cinematografico che però tiene incollati alle pagine del libro.
E’ evocativo, anche se lascia molto spazio alla nostra immaginazione nelle descrizioni di luoghi ed ambienti; proprio questo, però vi permetterà di fare vostre le strade percorse, i boschi, la villa. Ci sarete anche voi, ve l’ho detto.
Cinico, crudo, spietato, realista. L’ho detto di pochi, ma questo è il caso.
E’ un libro per tutti ma, se lo compreranno, mi ringrazieranno i fan del buon noir italiano e del buon vecchio Zio Stephen. Ai primi dico che questo non è un semplice noir ma che ricorda la buona scrittura di alcune penne di casa nostra; ai secondi (non me ne vogliano per il paragone i più facinorosi che non ammettono accostamenti al Grande Maestro del Brivido) consiglio di leggerlo perché poche volte ho trovato un autore che in un romanzo riesca a tenerti incollato alla storia anche nei suoi passaggi più morbidi o scontati ed il finale… beh è proprio nel suo stile!
A tutti, in generale, consiglio l’acquisto perché è un testo che vi prenderà. In un modo o nell’altro.
Se poi dovessi aver sbagliato nel consigliarvi… Beh…
Sorry. 🙂

Vostro devoto, come sempre,

Kamenzind
————————–

490 pagine – 2009 – Fazi Editore srl – ISBN 978 – 88 – 6411 – 053 – 0
Peso 700 grammi, € 19,00 – 27,14 €/Kg (vedi nota a fine recensione)

————————–

* Da bere durante la lettura: Vodka. Vodka secca. Accompagnatela con cetriolini sott’aceto. Wow.

* Colonna sonora consigliata: The Cure

—————————–

Nota confronto libri/alimenti (ennesimo sproloquio gratuito by Kamenzind)

Molti di noi consumano un quantitativo di calorie (derivanti dagli alimenti che mangiamo) superiori alle nostre reali necessità. Queste calorie hanno un costo in termini di euro, di tempo necessario a smaltirli (cyclette, step, ecc.) o di sensi di colpa se non li smaltiamo.

Io propongo un baratto: risparmia calorie (ed euro) ed investi in questo libro!!!

Ecco con cosa barattare questo libro:

rinuncia a n.2 “Big Mac menù” calorie risparmiate ca. 2.220 (più di 4 ore di cyclette!)

Ti avanzeranno ancora un paio di euro per un insalata scarsa e avrai guadagnato un buon libro! (e il tuo fegato te ne sarà grato!)

Annunci